Come rendere più visibili i post su Facebook? 5 motivi per cui la gente non legge i tuoi contenuti sui social network e consigli per migliorare la copertura.

SEO

Come rendere più visibili i post su Facebook: 5 motivi per cui la gente non legge.

5 motivi per cui la gente non legge i tuoi contenuti sui social network e consigli per migliorare la copertura.

I tuoi post raggiungono pochissimi utenti o hai l’impressione che, pur vedendo scorrere il post, nessuno si soffermi a leggere i contenuti che hai scritto? Ecco una semplice guida su come rendere più visibili i post sul Facebook, in 5 punti. 

La gente non legge più. O meglio, non lo fa più come prima.
Quindi, come rendere più visibili i post su Facebook?

Le persone hanno smesso di leggere come un tempo e anche il mondo digital, un po’ complice e un po’ spettatore, è stato colpito da questa tendenza. 

Alcuni studi hanno dimostrato che la lettura oggi non avviene quasi mai in maniera accurata, ma sempre più spesso in modo superficiale. Solamente il 16% delle persone, infatti, legge ogni singola parola, mentre il restante 84% scannerizza il blocco di testo.

Questo vuol dire che le persone scorrono con gli occhi sul testo per immagazzinarne più informazioni nel minor tempo possibile.

Ed eccoci arrivati al primo punto.

  • Attenzione ai contenuti difficili da assimilare.


Prediligi contenuti di valore, ma di facile comprensione.

Il nostro consiglio è quello di scrivere secondo la gerarchia proposta dalla tecnica della piramide rovesciata, che prevede di iniziare l’argomentazione dal concetto più importante fino ad arrivare agli approfondimenti del caso.

Un altro aspetto importante? Esprimi un solo concetto alla volta.
Evita di inserire più argomenti in un unico post e seleziona un solo angolo per la tua argomentazione. Un messaggio multi-concetto ha leggibilità e comprensibilità inferiori rispetto a uno mono-concetto e, non dimentichiamocelo, oggi la gente vuol immagazzinare l’informazione che le interessa, nel minor tempo possibile, senza metterci troppo impegno.

  • È una questione di formato.


Scegli il formato più attinente al contenuto che stai per postare e ricorda che, negli ultimi anni, l’interesse verte prevalentemente sui video.

E in caption, ovvero nel body del post che accompagna la creatività, come conviene comportarsi?

Evita i muri di copy, suddividi il blocco di testo del tuo post in brevi paragrafi. Formatta il post il più possibile e, magari, inserisci delle emoticon: questo faciliterà la comprensione e renderà il testo più scorrevole per il lettore.

  •  Non voltare le spalle al tuo target.


Perché lo conosci il tuo target, vero?

Il target è l’audience che vuoi raggiungere, dunque conoscere i suoi bisogni e le sue caratteristiche, ti consentirà di indirizzare il messaggio verso il tuo cliente ideale.

E non finisce qui.

Conoscere il target ti permette di utilizzare un linguaggio e un tono che siano comprensibili e interessanti. Per esempio, se il nostro target è un pubblico giovane, potremmo utilizzare un linguaggio più informale e moderno, mentre se il nostro target è un pubblico più maturo, potremmo utilizzare un linguaggio più formale e tradizionale.

Avere chiaro il target di riferimento ti permette anche di selezionare gli argomenti più pertinenti, utili e interessanti e, di riflesso, di aumentare la possibilità che il post venga condiviso e raggiunga un numero maggiore di persone interessate.

  • AAA programmazione cercasi.


Nelle tue pubblicazioni non c’è logica né continuità e i tuoi post brancolano nel buio, come sonnambuli. 

A volte frequentissimi, a volte desaparecidos dei social network: i tuoi post hanno bisogno di organizzazione, o per meglio dire, di un piano editoriale!

Di piano editoriale e della sua importanza ai fini dell’efficacia dei social network per la crescita di un’azienda abbiamo parlato in questo articolo.

Corri a leggerlo per saperne di più.

  • Ricorda che la capacità organica di un post è limitata.


Puoi anche creare testi e creatività mai visti prima, uniti in un connubio irresistibile, ma se Edge Rank ti rema contro, la soluzione è solo una: sponsorizzare.

Cos’è l’Edge Rank?

È il nome dell’algoritmo che determina la visibilità su Facebook e che, da anni ormai, influisce sull’andamento dei post delle pagine aziendali.
Negli ultimi anni, la reach organica, ovvero la capacità del post di raggiungere il pubblico, è diminuita drasticamente: per farla breve, oggi solamente 1 su 5 dei tuoi fan visualizza nel proprio feed il post della tua pagina.

Quindi, se l’intenzione di Facebook è, in prima battuta, quella di rendere l’esperienza degli utenti sempre migliore e quindi selezionare i contenuti per valore e attinenza, in seconda battuta, la cosa si fa più remunerativa per il social network più conosciuto al mondo.

La volontà di Facebook è quella di imporre sempre di più l’utilizzo delle campagne ADV. Più aziende fanno post sponsorizzati, meno spazio rimane per i post organici nel feed, e così le aziende che vogliono mantenere un minimo di visibilità, sono costrette a investire in advertising.

Speriamo che questo articolo ti sia stato utile!

SEI ALLA RICERCA DI UN PARTNER PER MIGLIORARE LA TUA PRESENZA ONLINE? VORRESTI AFFIDARTI A UN TEAM DI SPECIALISTI IN ADVERTISING?

RICHIEDICI ORA LA TUA CONSULENZA CON PREVENTIVO GRATUITO DELLA TUA ATTIVITÀ

Articoli

ALTRI

Altri Articoli

Scarica il nostro caso studio.

Compila i campi qui sotto per riceverlo.